.
Annunci online

  BIANCHIperPASSIONE [ sito di info,news,progetti sul Comune di Bianchi (CS) ]
         

Siamo tutti qui...

all over the world!





"Me risbigliu a 'na vota
ma nu suannu nun è
è la terra duve si natu
ca me rida maligna
e tinde porta pe sempre-
tu ce sì dintru
'ntra stu cialu
autu e scuru
e non puazzu dire nente
pe me fermare-
tu sì pe mie
nu giardinu chiusu."


12 marzo 2009

Bianchi su Facebook!

 

Ben due gruppi dedicati a Bianchi  su Facebook testimoniano della vivacità culturale di chi abita o segue da lontano le vicende del nostro amato paese. Visitateli e iscrivetevi !





http://it-it.facebook.com/




permalink | inviato da BIANCHIperPASSIONE il 12/3/2009 alle 19:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



20 febbraio 2008

Nuova guida su Bianchi!

 



Vi invitiamo a visitare il nuovissimo sito
www.calabriaproduttiva.it
In esso troverete anche, nella sezione "Foto Gallery", delle bellissime foto su Bianchi (ne verranno aggiunte altre).A breve, dopo la chiusura e l'uscita ufficiale, nella sezione "Le guide", verrà inserita la Guida del nostro Paese.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. guida su bianchi

permalink | inviato da BIANCHIperPASSIONE il 20/2/2008 alle 18:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



25 novembre 2007

I have a dream...

Un sogno ci vuole in questa regione dolente umiliata da così troppo tempo...
Vorrei il magistrato De Magistris governatore della Calabria! Ci pensate? Quanto tremerebbero le conventicole politiche di infimo ordine che a turno governano il nostro territorio come cavallette ! Tutti questi politici scadenti nominati solo per accontentare le voglie della classe politica locale peggiore d'Europa! Come direbbe Lennon " I am a dreamer but I'm not the only one".


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. de magistris governatore

permalink | inviato da BIANCHIperPASSIONE il 25/11/2007 alle 21:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



7 ottobre 2007

Bianchi su youtube!

Ho trovato un video un pò nostalgico su Bianchi. A parte la colonna ,sonora ehm ehm, mi pare sia carino ^_^

enjoy it! Mario



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Bianchi-youtube

permalink | inviato da BIANCHIperPASSIONE il 7/10/2007 alle 16:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



17 agosto 2007

Piombo da esportazione...

Dal blog di Beppe Grillo, 17 agosto ( http://www.beppegrillo.it ):



Duisburg
ha dimostrato che la nostra esportazione tira ancora, esportiamo piombo e mafie. In Italia il mercato è saturo. La Comunità europea è uno sbocco naturale.
Un ragazzo di Catanzaro ha scritto a Romano Prodi e al blog una lettera. E' un segnale di speranza. Ragazzi di Calabria non siete soli.

"Egregio sig. Presidente del Consiglio,
ho ascoltato il Suo appello lanciato attraverso i tg nazionali e rivolto ai giovani calabresi, all’indomani della strage di Duisburg, con cui li esortava a reagire alla N’drangheta. Mi sono sentito chiamato in causa, in quanto giovane e calabrese (ho 34 anni, vivo e lavoro a Catanzaro) perché i fatti di Duisburg mi hanno colpito profondamente e poi perché vorrei lanciare io due appelli: uno ai miei conterranei e un altro a Lei in qualità di capo dell’Esecutivo.
Ai calabresi vorrei dire che noi giovani siamo stufi di subire questo stato di cose e che poiché siamo assolutamente consapevoli che spetta a ciascuno di noi iniziare a dire no, iniziare a difendere questo territorio perché ci appartiene, è arrivato il momento di cambiare registro. Dobbiamo iniziare innanzitutto a percepirci come esseri umani, come cittadini e non come sudditi privi di diritti. Abbiamo il diritto di vivere in una regione civile. E’ emblematico come, ad esempio, quando si parla di turismo nella nostra regione, ci si lamenti sempre della carenze, come l’inquinamento e la disorganizzazione ma anche dei danni all’immagine causati da questi efferati omicidi, solo in funzione dei potenziali turisti come se i residenti non meritassero la stessa considerazione. Non ci lamentiamo perché non ci piace vivere in queste condizioni ma perché nell’eventualità in cui arrivassero dei turisti rischieremmo di fare una brutta figura. E noi che ci viviamo? Non abbiamo diritto di vivere in un territorio civile? Non siamo persone? Come possiamo pensare di avere rispetto per i turisti se non abbiamo rispetto per noi stessi? Una padrona di casa che ama l’ordine e la pulizia non teme di ricevere visite in casa da un momento all’altro.
Il secondo appello Presidente lo lancio a Lei, rassicurandola circa la reazione dei giovani calabresi nei confronti della N’drangheta (che c’è ed è in atto da tempo), perché questa reazione non risulti vana.
I giovani calabresi reagiscono quotidianamente alla N’drangheta nel loro piccolo. Come possono. I giovani calabresi reagiscono alla N’drangheta quando invece di elemosinare un posto di lavoro in cambio del voto emigrano altrove (scelta criticabile ma non condannabile); quando decidono di restare come ha fatto il sottoscritto e creano, insieme con altri giovani, attraverso Internet nuove reti di intelligenza sociale (beppegrillo.meetup.com/191) attraverso le quali diffondere una nuova mentalità nella nostra regione; quando scrivono, come abbiamo fatto di recente, una lettera di solidarietà a Pino Masciari, un coraggioso e onesto imprenditore calabrese dimenticato da tutti (Stato compreso) che si è rifiutato di pagare il pizzo e ha denunciato chi glielo chiedeva ed oggi vive blindato lontano dalla sua amata regione, per farlo sentire un pò meno prigioniero; quando scrivono una mail di solidarietà al sindaco di Falerna, in provincia di Catanzaro, perché per aver fatto abbattere delle case abusive sulla spiaggia del suo comune ha dovuto subire l’isolamento; quando segnalano ai sindaci, come quello di Stalettì sempre in provincia di Catanzaro, pericoli imminenti, in seguito agli incendi che hanno flagellato la nostra bella regione, e restano inascoltati; quando disertano i dibattiti, i convegni, le piazze dove a parlare sono sempre gli stessi politicanti; quando si rifiutano di votare personaggi che da oltre trent’anni siedono sugli scranni del Consiglio Regionale, che hanno contribuito in maniera determinante all’elezione Sua e del Suo Governo e che ambiscono a rappresentare “il nuovo” nel costituendo Partito Democratico; quando creano comitati perché si rifiutano di subire il neo-colonialismo in atto nella nostra regione dove basta aprire un’azienda e tenerla in vita per cinque anni per ottenere i finanziamenti e subito dopo chiudere e licenziare tutti gli assunti o dove, in cambio di una manciata di posti di lavoro, si autorizzano impianti industriali che danneggiano la salute dei residenti; quando non chiedono di usufruire di finanziamenti pubblici e vengono derisi, come è successo al sottoscritto, perché convinti che in un libero mercato compito dell’imprenditore sia quello di assumersi il rischio di investire i propri soldi e non quelli della collettività; quando ideano caparbiamente laboratori teatrali con i giovani delle scuole, come fa con grande difficoltà un mio carissimo amico a Lamezia Terme e in altri piccoli comuni limitrofi, avvicinandoli all’arte e allontanandoli dalle cattive compagnie; quando raccolgono le firme (come faremo l’8 settembre prossimo) per impedire che i condannati in via definitiva siedano in Parlamento; quando attraverso un video-denuncia (pubblicato su You Tube all’indirizzo: http://it.youtube.com/watch?v=hvGaltFZzb4) mettono il dito nella piaga dei mali della propria terra denunciando contemporaneamente lo sperpero di denaro pubblico che la Regione ha avallato finanziando una campagna pubblicitaria che si smentisce quotidianamente da sola. Solo per citarLe alcuni esempi di reazione.
Ma ancora prima di reagire alla N’drangheta i giovani calabresi reagiscono all’ipocrisia che circonda le istituzioni quando si parla di questo annoso tema. Ci sono, infatti, altri giovani in Calabria come il Pubblico Ministero Luigi De Magistris, in forza a Catanzaro e il suo collega Eugenio Facciolla, in forza a Paola, che stanno reagendo da tempo alla N’drangheta indagando sulle commistioni tra mafia e politica. Forse loro hanno reagito troppo. Il dott. De Magistris, infatti, ha dovuto denunciare nei giorni scorsi al CSM alcuni tentativi, da parte dei “poteri forti”, volti a sottrargli le indagini mirando a dimostrare una sua incompatibilità.
Vede signor Presidente, in un mondo come quello attuale, in cui stentiamo a riconoscere in chi ci sta intorno la buona fede, queste persone rappresentano un patrimonio da difendere. I giovani non credono più nella politica perché predica bene e razzola male, perché fino ad oggi sono rimasti sistematicamente delusi ed hanno paura di restarlo ancora una volta. I loro occhi diventano sempre meno ingenui e più critici perché molto meno disposti a sognare senza lasciarsi sfiorare dal dubbio.
Qualcuno pensa che i giovani siano un ottimo argomento per una campagna elettorale ma i giovani sanno riconoscere la sincerità perché quotidianamente riconoscono il tradimento.Il sostituto procuratore Nicola Gratteri, grande esperto di N’drangheta e grande magistrato, ha affermato nel corso di un convegno che per battere la N’drangheta basterebbe qualche modifica al codice penale e cinque anni di tempo. Ha perfettamente ragione. Cosa aspettiamo?
Presidente, lei e la sua maggioranza avete l’opportunità di ottenere con una sola mossa due risultati: sconfiggere la N’drangheta e riacquistare la fiducia dei giovani. Cosa aspetta?L’hanno sempre criticata per la sua incapacità di comunicare, dia una lezione una volta tanto ai suoi denigratori dimostrando che la migliore comunicazione avviene attraverso i gesti concreti, dando l’esempio, e non solamente a parole." Massimiliano Capalbo, Catanzaro
maxestro@katamail.com




permalink | inviato da BIANCHIperPASSIONE il 17/8/2007 alle 22:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



22 novembre 2006





Inizia a muovere i primi passi, la rete delle associazioni e dei movimenti "per la Calabria" Calabrialibre che ne è uno dei promotori crede nella possibilità di mettere insieme il buono della società calabrese per tentare quel colpo di reni, necessario per iniziare una aspra risalita della china nella quale la politica degli ultimi 35 anni ci ha fatto precipitare. Suggerisco di leggere il manifesto, ed eventualmente sottoscriverlo. Aspettiamo commenti e proposte di collaborazione per essere veramente attori principali della rinascita sociale del nostro territorio.

Calabria libre

http://www.calabrialibre.it/portal/index.asp




permalink | inviato da il 22/11/2006 alle 15:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



17 agosto 2006

Il Triste degrado della stazione-treni di Bianchi

                                        


Arrivare e partire da Bianchi  vuol dire ancora poter prendere il treno. E’ un atto unico, un modo di viaggiare nello spazio e nel tempo. Ma per quanto ancora sarà possibile? Arrivando da fuori Calabria l’impressione è che si sia a un passo dallo scrivere la parola “fine” su questo modo di viaggiare. Tutto ciò fa tristezza se si pensa che i nostri nonni,per ottenere la fermata a Bianchi dovettero ostinatamente mettere dei tronchi sul binario come protesta attiva e propositiva. E oggi? Chi protesta più? Eppure, è un maledetto imbroglio calabro pensare che la Ferrovia appartenga al passato e vada dunque rimossa. Ovunque, altrove, diciamolo chiaramente, in aree più avanzate culturalmente e socialmente del nostro Bel Paese, il treno è il futuro visto che la civiltà delle macchine ha ovunque creato inquinamento e situazioni sociali critiche (traffico,parcheggi,ecc.). Vedere la stazione di Bianchi abbandonata, sporca, chiusa mi dà un senso di profonda rabbia interiore. Fino a qualche anno fa il “capostazione” aveva la sua bella casetta con il giardino fiorito, la sala d’attesa era ampia e comoda (addirittura riscaldata in inverno!). Ora tutto respinge il viaggiatore  e provoca  nausea. Alcune cose non riesco a capirle proprio. Come mai non si dimette chi, a livello di dirigenza FC, proprio non riesce a creare una strategia adeguata di marketing per riconquistare i tanti passeggeri perduti ( pendolari,donne,anziani,studenti) e come mai in questi ultimi anni Bianchi e la tratta mediana delle Ferrovie della Calabria sono state trattate così male ( collegamenti scarsissimi con le due città capolinea) in rapporto ad altre linee (es  Rogliano-Cosenza) che hanno collegamenti frequentissimi e stazioni ancora tenute in modo dignitoso. Una parte di colpa va naturalmente a  chi, tra gli amministratori comunali, ha avuto lo sguardo così miope da spingere il paese quasi sull’orlo del completo isolamento in fatto di trasporti pubblici ( bus compresi). I nostri nonni sapevano come risolvere certe questioni…

 Mario Bianco




permalink | inviato da il 17/8/2006 alle 14:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



7 maggio 2006

Bianchi in festa



" Getta il tuo pane sulla faccia dell'acqua, perchè nella moltitudine dei giorni lo troverai" (Qohélet)

Oggi la Comunità di Bianchi festeggia il dono del Sacerdozio ricevuto da Don Serafino Bianco. Per chi crede questo sia Segno di grande gioia e di generosità divina; per chi non crede sia comunque la testimonianza che mettersi in ascolto e dare la propria totale disponibilità agli altri è tutt'altro che tempo perso,è un esempio nobile di participazione e di dedizione ai valori della Vita. A questo momento felice si uniscono tutti quelli che in questo momento sono fuori da Bianchi, affinchè almeno per un giorno  essi si sentano ancora comunità, figli di Calabria.

Mario Bianco




permalink | inviato da il 7/5/2006 alle 18:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



3 marzo 2006

Gli UFO su Bianchi?



Cosa ne pensate, verità, fantascienza? lasciate i commenti...




permalink | inviato da il 3/3/2006 alle 18:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa



29 gennaio 2006





Pillole di Storia biancara… Il Risorgimento a Bianchi

“Per ricordare il clima vivace esistente a Bianchi e nel suo territorio sia durante la meticolosa preparrazione che durante la lotta (un clima vissuto con partecipazione dalla famiglia Accattatis che prese parte molto attiva alle due insurrezioni calabresi del 1848 e del 1860) , è il caso di aggiungere qualche riflessione sul patriottismo ufficiale; quello per intenderci, che ci hanno consegnato gli autori della storia locale. Per quanto riguarda i moti del 1860,gli stessi hanno immortalato, molto giustamente ed opportunamente, i nomi dei patrioti di Bianchi, tra essi, il leggendario Ferdinando Bianchi, coraggioso e determinato nella lotta tanto da essere lodato da garibaldi in persona, e Luigi Accattatis, grande interprete dell’anelito di rinascita del popolo. Si è invece provveduto a cancellare letteralmente  gli aspetti di patriottismo autentico presenti nell’azione iniziale di Pietro Bianco, diventato poi un ribelle e liquidato in fretta come delinquente… Eppure , volente o nolente a Bianchi e alla sua storia è legata anche la turbolenta esistenza di Pietro Bianco, il quale sicuramente combattè a Capua con i Mille prima di darsi al brigantaggio

Fonte : Atti del Convegno sulle figure di Luigi ed Elvio Accattatis, 2004, a cura di Michele Chiodo




permalink | inviato da il 29/1/2006 alle 19:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     febbraio       
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom